Associazione Silvia Procopio
Aggiornamenti su Malattie del circolo polmonare
American Heart Association

Rivascolarizzazione nei pazienti con malattia coronarica multivasale e grave disfunzione sistolica del ventricolo sinistro


Le lineeguida raccomandano un intervento chirurgico di bypass aorto-coronarico ( CABG ) rispetto all’intervento coronarico percutaneo ( PCI ) per la malattia multivasale e grave disfunzione sistolica ventricolare sinistra. Tuttavia, CABG non è stato confrontato con la procedura PCI in questi pazienti in studi randomizzati.

I pazienti con malattia multivasale e grave disfunzione sistolica del ventricolo sinistro ( frazione di eiezione inferiore o uguale a 35% ) che hanno subito PCI con stent a rilascio di Everolimus oppure CABG sono stati selezionati dai Registri dello Stato di New York.

L'esito primario era la mortalità a lungo termine per qualsiasi causa.
Gli esiti secondari erano gli esiti singoli di infarto miocardico, ictus e rivascolarizzazione ripetuta.
Tra i 4.616 pazienti che hanno soddisfatto i criteri di inclusione ( 1.351 stent a rilascio di Everolimus e 3.265 CABG ), la corrispondenza per punteggio di propensione ha identificato 2.126 pazienti con punteggi di propensione simili.

Nel breve periodo, la procedura PCI è risultata associata a un minor rischio di ictus ( hazard ratio, HR=0.05; P=0.004 ) rispetto a CABG.

Al follow-up a lungo termine ( mediana, 2.9 anni ), PCI è risultato associato a un rischio simile di mortalità ( HR=1.01; P=0.91 ), un più alto rischio di infarto miocardico ( HR=2.16; P=0.0003 ), un minor rischio di ictus ( HR=0.57; P=0.04 ) e un più alto rischio di rivascolarizzazione ripetuta ( HR=2.54; P minore di 0.0001 ).

Il test per l'interazione è risultato significativo ( P=0.002 ) per la completezza della rivascolarizzazione, in modo tale che, nei pazienti in cui è stata raggiunta la completa rivascolarizzazione con PCI, non vi è stata alcuna differenza di infarto miocardico tra PCI e CABG.

In conclusione, tra i pazienti con malattia multivasale e grave disfunzione sistolica del ventricolo sinistro, la procedura PCI con stent a rilascio di Everolimus ha offerto una sopravvivenza a lungo termine paragonabile a quella con CABG.
PCI è risultato associato a un più alto rischio di infarto miocardico ( nei soggetti con rivascolarizzazione incompleta ) e rivascolarizzazione ripetuta, e CABG era associato a un più alto rischio di ictus. ( Xagena2016 )

Bangalore S et al, Circulation 2016; 133: 2132-2140

Cardio2016 Chiru2016



Indietro