ACC Meeting
GICR - Congresso
Associazione Silvia Procopio

La sfida avviata per definire il possibile beneficio netto derivante dalla prescrizione di Aspirina [ Acido Acetilsalicilico ] per individui senza precedenti cardiovascolari consiste nell’avere a dis ...


Omecamtiv Mecarbil è risultato associato a una serie di miglioramenti strutturali e funzionali a livello cardiaco in uno studio di fase 2 nei pazienti con insufficienza cardiaca cronica. Lo studio ...


L’impiego della Bivalirudina ( Angiox ) come anticoagulante nei pazienti con grave stenosi aortica sintomatica sottoposti a sostituzione della valvola aortica per via transcatetere ( TAVR ) è risultat ...


I risultati di quattro studi del Programma clinico ODYSSEY hanno mostrato che Alirocumab ( Praluent ) abbassa il colesterolo nei pazienti con ipercolesterolemia familiare eterozigote a livelli non rag ...


Nei pazienti con insufficienza cardiaca con diabete mellito e/o malattia renale cronica, un nuovo antagonista dei recettori dei mineralcorticoidi ( MRA ), non-steroideo, Finerenone è risultato più eff ...


Una ridotta sopravvivenza e la riospedalizzazione nei pazienti con insufficienza cardiaca sono associate al diabete comorbido e ai sintomi depressivi. Sono necessarie strategie efficaci per valutar ...


Il trattamento con inibitori PCSK9 che abbassano i livelli plasmatici di colesterolo è associato a un ridotto rischio di morte per tutte le cause e una riduzione delle morti cardiovascolari in una met ...


L’Ivabradina ( Corlentor, Procoralan ), un farmaco che riduce la frequenza cardiaca, ha aumentato il rischio di morte o di infarto miocardico quando somministrata a pazienti con angina limitante l'att ...


Cinque anni di terapia con statine nella prevenzione primaria ha prodotto un vantaggio di vita espresso come riduzione dei rischi di malattie cardiovascolari nel corso di 20 anni di follow-up tra i pa ...


Nuovi dati su LCZ696 per i pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta ( HFrEF ) hanno mostrato che il farmaco sperimentale ha le potenzialità di cambiare il decorso della mal ...


La somministrazione continua, a lungo termine, degli inibitori della fosfodiesterasi di tipo 5 può rappresentare un trattamento sicuro ed efficace per la malattia cardiovascolare. E’stata condotta ...


Un’analisi aggregata di 10 studi ha mostrato che la dimensione dell'infarto miocardico dopo intervento coronarico percutaneo ( PCI ) primario per infarto STEMI ( infarto miocardico con sopraslivellame ...


È dimostrato come lo stiramento atriale e l’infiammazione aumentino il livello di angiotensina II nel cuore e che l’angiotensina II, a sua volta, determini sovraccarico di calcio e fibrosi atriale, du ...


Il Dabigatran etexilato ( Pradaxa ) è un profarmaco che, una volta metabolizzato dal fegato, risulta in una molecola di piccolo peso molecolare capace di inibire il sito attivo della trombina, ma non ...