CardioPreventariab.it
Associazione Silvia Procopio
American Heart Association

Mortalità cardiaca tra i sopravvissuti a 5 anni a cancro diagnosticato a un’età compresa tra 15 e 39 anni


L'età alla diagnosi di cancro è determinante per stabilire il successivo rischio di mortalità cardiaca.

I sopravvissuti a cancro adolescenti e giovani adulti sono stati poco studiati. Si sa poco sui loro rischi negativi per la salute a lungo termine, in particolare per le malattie cardiache, che sono aumentate in altre popolazioni con cancro in cui sono stati utilizzati trattamenti cardiotossici.

The Teenage and Young Adult Cancer Survivor Study ha una coorte di 200.945 sopravvissuti a 5 anni al tumore diagnosticato tra 15 e 39 anni di età in Inghilterra e Galles dal 1971 al 2006, seguiti fino al 2014.
Sono stati calcolati i rapporti standardizzati di mortalità, l’eccesso di rischio assoluto, e i rischi cumulativi.

Sono morti di malattia cardiaca 2016 sopravvissuti.
Per tutti i tumori combinati, i tassi di mortalità standardizzati per tutte le malattie cardiache combinate sono stati maggiori per gli individui affetti da 15 a 19 anni ( 4.2 ), diminuendo a 1.2 per gli individui di età compresa tra 35 e 39 anni ( 2P per trend minore di 0.0001 ).

Modelli simili sono stati osservati per i rapporti standardizzati di mortalità ed eccesso di rischio assoluto per cardiopatia ischemica, cardiopatia valvolare, e cardiomiopatia.

I superstiti a linfoma di Hodgkin, leucemia mieloide acuta, tumori genito-urinari diversi dal cancro della vescica, linfoma non-Hodgkin, cancro del polmone, leucemie diverse da leucemia mieloide acuta, tumore del sistema nervoso centrale, cancro cervicale e cancro al seno hanno avuto 3.8, 2.7, 2.0, 1.7, 1.7, 1.6, 1.4, 1.3 e 1.2 volte il numero di morti cardiache attese dalla popolazione generale, rispettivamente.

Tra i sopravvissuti a linfoma di Hodgkin in età superiore a 60 anni, quasi il 30% del numero di decessi in eccesso totali osservati era dovuto a malattie cardiache.

In conclusione, lo studio di oltre 200.000 sopravvissuti al cancro ha dimostrato che l'età alla diagnosi del tumore è fondamentale nel determinare il successivo rischio di mortalità cardiaca.
Per la prima volta, le stime di rischio di morte cardiaca dopo ogni tumore diagnosticato a una età compresa tra 15 e 39 anni sono state determinate da un'ampia coorte basata sulla popolazione con follow-up prolungato.
Questi dati forniscono una prima base per lo sviluppo di linee guida di follow-up basate sull'evidenza. ( Xagena2016 )

Henson KE et al, Circulation 2016; 134: 1519-1531

Cardio2016 Onco2016



Indietro