CardioPreventariab.it
Prevenzione malattie cardiovascolari
Associazione Silvia Procopio
OncologiaMedica.net

Esito clinico a lungo termine dopo ablazione alcolica del setto per cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva


I primi casi di ablazione del setto con alcol ( ASA, alcohol septal ablation; ablazione alcolica ) per la cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva sono stati pubblicati due decenni fa.
Anche se sono stati pubblicati i risultati da registri sulla ablazione alcolica di singoli centri e nazionali, la sopravvivenza a lungo termine e l'esito clinico della procedura sono ancora in discussione.

Sono stati riportati i risultati a lungo termine da parte del più grande registro ASA multinazionale ( Registro Euro-ASA ).
In totale sono stati inclusi 1.275 pazienti ( 58 anni, follow-up mediano di 5.7 anni ) altamente sintomatici sottoposti ad ablazione alcolica.

La mortalità 30 giorni post-ASA è stata dell’1%.
Nel complesso, 171 pazienti ( 13% ) sono deceduti durante il follow-up, corrispondente a un tasso di mortalità per tutte le cause dopo ablazione alcolica di 2.42 decessi per 100 anni-paziente.

I tassi di sopravvivenza a 1, 5 e 10 anni dopo ablazione alcolica sono stati, rispettivamente, pari a 98%, 89% e 77%.

All'analisi multivariata, i predittori indipendenti di mortalità per qualsiasi causa erano l'età al momento dell’ablazione alcolica ( P minore di 0.01 ), lo spessore del setto prima dell’ablazione ( P minore di 0.01 ), classe NYHA prima dell’ablazione ( P=0.047 ) e gradiente del tratto di efflusso del ventricolo sinistro all'ultimo check-up clinico ( P=0.048 ).
L'ablazione alcolica del setto ha ridotto il gradiente del tratto di efflusso del ventricolo sinistro da 67 a 16 mm Hg ( P minore di 0.01 ) e classe NYHA da 2.9 a 1.6 ( P minore di 0.01 ).

All'ultimo check-up, l'89% dei pazienti ha riferito dispnea di classe NYHA uguale o inferiore a 2, indipendentemente associata alla pendenza del tratto di efflusso del ventricolo sinistro ( P minore di 0.01 ).

In conclusione, il Registro Euro-ASA ha dimostrato bassa mortalità peri-procedurale e a lungo termine dopo ablazione alcolica.
Questo intervento ha fornito sollievo di lunga durata dai sintomi e una riduzione dell’ostruzione del tratto di efflusso del ventricolo sinistro in pazienti selezionati e altamente sintomatici con cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva.
Dato che l'ostruzione post-procedurale sembra essere associata a peggiore stato funzionale e a peggiore prognosi, la terapia ottimale dovrebbe essere incentrata sull'eliminazione del gradiente del tratto di efflusso del ventricolo sinistro. ( Xagena2016 )

Veselka J et al, Eur Heart J 2016; 37: 1517-1523

Cardio2016



Indietro