52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

VEGF-C e mortalità nei pazienti con malattia dell'arteria coronaria sospetta o nota


Si ritiene che il sistema linfatico svolga un ruolo importante nel metabolismo del colesterolo e nelle malattie cardiovascolari.
Tuttavia, le relazioni del fattore di crescita dell'endotelio vascolare C ( VEGF-C ), un elemento centrale nella linfangiogenesi, con la mortalità e gli eventi cardiovascolari in pazienti con sospetta o nota malattia coronarica non sono brn definiti.

È stato effettuato uno studio di coorte multicentrico, prospettico, di 2.418 pazienti con malattia coronarica sospetta o nota sottoposti ad angiografia coronarica elettiva.
Il predittore principale era il livello sierico di VEGF-C.

L'esito primario era la morte per qualsiasi causa.
Gli esiti secondari erano la morte cardiovascolare e gli eventi avversi cardiovascolari maggiori definiti come un composito di morte cardiovascolare, infarto miocardico non-fatale e ictus non-fatale.

Durante il follow-up di 3 anni, 254 pazienti sono deceduti per qualsiasi causa, 88 sono deceduti per malattie cardiovascolari e 165 hanno sviluppato eventi avversi cardiovascolari maggiori.

Dopo la regolazione per i fattori di rischio stabiliti, i livelli di VEGF-C erano significativamente e inversamente associati alla morte per qualsiasi causa ( hazard ratio per aumento di 1-SD [ deviazione standard ], HR=0.69 ) e morte cardiovascolare ( HR=0.67 ), ma non a eventi cardiovascolari avversi maggiori ( HR=0.85 ).

Anche dopo l'incorporazione del frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico cerebrale ( NT-proBNP ), della troponina I cardiaca contemporanea sensibile ( s-cTnI ) e della proteina C-reattiva ad alta sensibilità ( hs-CRP ) in un modello con fattori di rischio stabiliti, l'aggiunta dei livelli di VEGF-C ha ulteriormente migliorato la previsione di morte per tutte le cause, ma non quella della morte cardiovascolare o di eventi avversi cardiovascolari maggiori.

Risultati coerenti sono stati osservati in 1.717 pazienti con sospetta malattia coronarica.

In conclusione, nei pazienti con malattia coronarica sospetta o nota, un basso valore di VEGF-C può predire in modo indipendente la mortalità per qualsiasi causa. ( Xagena2018 )

Wada H et al, J Am Heart Assoc. 2018 Nov 6;7(21):e010355. doi: 10.1161/JAHA.118.010355.

Cardio2018



Indietro