Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
XagenaNewsletter

Troponina cardiaca ad alta sensibilità e definizione universale di infarto miocardico


L'introduzione di saggi per la troponina cardiaca più sensibili ha portato a un maggiore riconoscimento del danno miocardico in malattie acute diverse dalla sindrome coronarica acuta.
La definizione universale di infarto miocardico raccomanda il test della troponina cardiaca ad alta sensibilità e la classificazione dei pazienti con danno miocardico basato sulla patogenesi, ma le implicazioni cliniche dell'implementazione di questa linea guida non sono ancora ben comprese.

In uno studio randomizzato e controllato è stato implementato un saggio per la troponina cardiaca ad alta sensibilità e le raccomandazioni della definizione universale in 48.282 pazienti consecutivi con sospetta sindrome coronarica acuta.

In una analisi secondaria prespecificata, è stato confrontato l'esito primario di infarto del miocardio o morte cardiovascolare e l’esito secondario di morte non-cardiovascolare a 1 anno in tutte le categorie diagnostiche.

L'implementazione ha aumentato la diagnosi di infarto miocardico di tipo 1 dell'11% ( 510/4.471 ), infarto miocardico di tipo 2 del 22% ( 205/916 ) e lesioni miocardiche acute e croniche del 36% ( 443/1.233 ) e 43% ( 389/898 ), rispettivamente.

Rispetto ai pazienti senza danno miocardico, il tasso di esito primario è stato più alto in quelli con infarto miocardico di tipo 1 ( hazard ratio causa-specifico, HR=5.64 ), ma simile tra le categorie diagnostiche, mentre i decessi non-cardiovascolari sono stati più alti in quelli con danno miocardico acuto ( HR causa-specifico 2.65 ).

Nonostante i modesti aumenti della terapia antipiastrinica e la rivascolarizzazione coronarica dopo l'implementazione nei pazienti con infarto miocardico di tipo 1, l'esito primario è rimasto invariato ( HR causa-specifico 1.00 ).
L'aumentato riconoscimento di infarto miocardico di tipo 2 e danno miocardico non ha portato a cambiamenti nelle indagini, nel trattamento o negli esiti.

L'implementazione di saggi per la troponina cardiaca ad alta sensibilità e le raccomandazioni della definizione universale di infarto miocardico hanno identificato i pazienti ad alto rischio di eventi cardiovascolari e non-cardiovascolari, ma non sono stati associati a costanti aumenti del trattamento o a esiti migliori.

Sono urgentemente necessari studi di prevenzione secondaria per determinare se questo rischio sia modificabile nei pazienti senza infarto miocardico di tipo 1. ( Xagena2020 )

Chapman AR et al, Circulation 2020; 141: 161-171

Cardio2020



Indietro