52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Studi ODYSSEY con Alirocumab: minori eventi avversi cardiovascolari maggiori associati a più bassi livelli di colesterolo LDL


Negli studi sulle statine, uomini e donne hanno mostrato riduzioni del rischio relativo simili negli eventi cardiovascolari per riduzioni del colesterolo LDL di 39 mg/dL.
I ricercatori hanno verificato se i bassi livelli di colesterolo LDL e una maggiore riduzione percentuale di colesterolo LDL, rispetto ai valori ottenuti con le statine, fossero associati a una riduzione dei principali eventi avversi cardiovascolari ( MACE ) nelle donne e negli uomini.

I dati raccolti da 10 studi randomizzati di fase 3 ODYSSEY ( n=4983 ), in cui Alirocumab è stato confrontato con il controllo ( placebo / Ezetimibe ), sono stati valutati per l'associazione tra valori più bassi di 39 mg/dL di colesterolo LDL con il trattamento e variazione percentuale di colesterolo LDL, rispetto al basale, e rischio di eventi MACE per sesso, utilizzando la regressione multivariata di Cox.

Il colesterolo LDL medio, al basale, era di 135 mg/dL ( donne ) e di 121 mg/dL ( uomini ).

I livelli medi di colesterolo LDL durante il trattamento con Alirocumab, Ezetimibe e placebo sono stati rispettivamente pari a 71, 114 e 134 mg/dL nelle donne ( n=1882 ) e, rispettivamente, pari a 52, 93 e 122 mg/dL negli uomini ( n = 3090 ).

Complessivamente, il 36.5% e il 58.7%, rispettivamente, di donne e uomini hanno ottenuto un valore di colesterolo LDL nel corso del trattamento inferiore a 50 mg/dL.
Ciascuna riduzione di 39 mg/dL di colesterolo LDL era associata a un rischio inferiore del 33% e del 22% di eventi MACE nelle donne ( P = 0.0209 ) e negli uomini ( P = 0.0307 ), rispettivamente, senza differenze significative tra i sessi ( P per eterogeneità = 0.4597 ).

I risultati erano simili quando analizzati per riduzione del 50% di colesterolo LDL, con un più basso rischio di eventi MACE del 24% ( P = 0.1094 ) e del 29% ( P = 0.0125 ), rispettivamente, nelle donne e negli uomini ( P per eterogeneità = 0.7499 ).

Alirocumab è risultato generalmente ben tollerato in entrambi i sessi.

In conclusione, la presente analisi rafforza il concetto che entrambi i sessi traggono un beneficio cardiovascolare simile dalla riduzione dei livelli di colesterolo LDL.
Sebbene le donne avessero valore di colesterolo LDL durante il trattamento leggermente superiore rispetto agli uomini, entrambi i sessi hanno mostrato un simile, più basso, rischio di eventi MACE con un più ridotto livello di colesterolo LDL. ( Xagena2018 )

Vallejo-Vaz AJ e altri, J Am Heart Assoc 2018; 7 (18): e009221. doi: 10.1161 / JAHA.118.009221

Cardio2018 Endo2018 Farma2018


Indietro