Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Xagena Mappa

Rischio-beneficio della doppia terapia antiaggregante per 1 anno dopo impianto di stent a rilascio di farmaco nei pazienti stratificati per sanguinamento e rischio ischemico


Sebbene in molti pazienti dopo l'impianto di stent a rilascio di farmaco ( DES ) venga impiegata per 1 anno la doppia terapia antiaggregante ( DAPT ), le prove a sostegno di questa durata non sono ben definite.

È stato studiato il profilo rischio-beneficio della terapia DAPT di 1 anno rispetto a 6 mesi o meno dopo impianto DES utilizzando due nuovi punteggi per stratificare il rischio di emorragie ed eventi ischemici.

I punteggi di rischio ischemico ed emorragico sono stati generati da ADAPT-DES ( Assessment of Dual Antiplatelet Therapy With Drug-Eluting Stents ), un registro multicentrico internazionale che ha arruolato 8.665 pazienti trattati con impianto DES.

Il profilo rischio-beneficio della terapia DAPT di 1 anno rispetto a 6 mesi o meno è stato quindi studiato attraverso gli strati di rischio da un set di dati di singoli pazienti raggruppati da 7 studi randomizzati che hanno arruolato 15.083 pazienti trattati con impianto DES.

Nella coorte di derivazione, il punteggio ischemico e il punteggio emorragico hanno avuto c-index di 0.76 e 0.66, rispettivamente, ed entrambi sono stati ben calibrati.
Nel set di dati raggruppato, non è stata rilevata alcuna differenza significativa in alcun endpoint ischemico tra terapia DAPT di 1 anno e inferiore o uguale a 6 mesi, indipendentemente dagli strati di rischio.

Nel set di dati complessivo, non vi è stata alcuna differenza significativa nel rischio di sanguinamento clinicamente rilevante tra terapia DAPT a 1 anno e inferiore o uguale a 6 mesi; tuttavia, tra 2.508 pazienti ad aumentato rischio di sanguinamento, la terapia DAPT di 1 anno rispetto a 6 mesi o meno è stata associata a un sanguinamento maggiore ( hazard ratio, HR=2.80 ) senza un rischio ridotto di eventi ischemici in qualsiasi strato di rischio, compresi quelli con sindromi coronariche acute.

Nel presente studio su larga scala, rispetto alla doppia terapia antiaggregante di 6 mesi o meno, la durata di 1 anno della terapia DAPT non è risultata associata a una riduzione degli eventi ischemici avversi in nessuno strato di rischio ( incluse le sindromi coronariche acute ), ma è stata associata a un sanguinamento maggiore nei pazienti ad aumentato rischio di sanguinamento. ( Xagena2021 )

Palmerini T et al, J Am Coll Cardiol 2021; 78: 1968-1986

Cardio2021 Farma2021


Indietro