Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa

Prevalenza di miocardite clinica e subclinica in atleti professionisti con recente infezione da SARS-CoV-2: risultati dal Big Ten COVID-19 Cardiac Registry


La miocardite è una delle principali cause di morte improvvisa negli atleti professionisti.
È noto che l'infiammazione del miocardio si verifica con l'infezione da virus SARS-CoV-2.

Sono stati segnalati diversi approcci di screening per il rilevamento della miocardite.
La Big Ten Conference richiede test cardiaci completi, inclusa la risonanza magnetica cardiaca ( CMR ) per tutti gli atleti con COVID-19, consentendo il confronto degli approcci di screening.

È stata determinata la prevalenza della miocardite negli atleti con COVID-19 e sono state confrontate le strategie di screening per un ritorno sicuro alle competizioni.

I ricercatori principali del Big Ten COVID-19 Cardiac Registry sono stati intervistati per dati osservativi aggregati dal 1 marzo 2020 al 15 dicembre 2020 sugli atleti con COVID-19.
Per gli atleti con miocardite, sono stati registrati la presenza di sintomi cardiaci e i dettagli dei test cardiaci.

La miocardite è stata classificata come clinica o subclinica in base alla presenza di sintomi cardiaci e reperti CMR. La miocardite subclinica è stata classificata come miocardite probabile o possibile in base ad altre anomalie dei test.
È stata determinata la prevalenza della miocardite nelle università.
È stata valutata l'utilità di diverse strategie di screening.
L’esposizione a SARS-CoV-2 è stata esaminata mediante test della reazione a catena della polimerasi.

L’esito principale era la miocardite tramite test diagnostici cardiovascolari.

In rappresentanza di 13 università, i test cardiovascolari sono stati eseguiti su 1.597 atleti ( 964 uomini, 60.4% ).
37 atleti, di cui 27 uomini, hanno avuto diagnosi di miocardite da COVID-19 ( complessivamente 2.3% ); 9 avevano una miocardite clinica e 28 avevano una miocardite subclinica.

Se il test cardiaco si fosse basato solo sui sintomi cardiaci, sarebbero stati rilevati solo 5 atleti ( prevalenza rilevata, 0.31% ).
La risonanza magnetica cardiaca per tutti gli atleti ha prodotto un aumento di 7.4 volte nel rilevamento della miocardite clinica e subclinica. L'imaging CMR di follow-up eseguito in 27 atleti ( 73.0% ) ha dimostrato la risoluzione dell'elevazione T2 in tutti ( 100% ) e la captazione tardiva del Gadolinio in 11 ( 40.7% ).

In questo studio di coorte su 1.597 atleti professionisti statunitensi con screening CMR dopo l'infezione da COVID-19, a 37 ( 2.3% ) è stata diagnosticata una miocardite clinica e subclinica.
La variabilità è stata osservata nella prevalenza tra le università e i protocolli di test erano strettamente legati alla rilevazione della miocardite.

L'accertamento variabile e le implicazioni sconosciute dei risultati della CMR sottolineano la necessità di tempistiche e interpretazioni standardizzate dei test cardiaci.
Questi dati di imaging CMR unici forniscono una comprensione più completa della prevalenza della miocardite clinica e subclinica negli atleti universitari dopo l'infezione da COVID-19.
Il ruolo della risonanza magnetica cardiaca nello screening di routine per il ritorno sicuro degli atleti alle competizioni dovrebbe essere esplorato ulteriormente. ( Xagena2021 )

Daniels CJ et al, JAMA Cardiol 2021; 6: 1078-1087

Cardio2021 Diagno2021 Inf2021


Indietro