Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Intervento coronarico percutaneo rispetto a bypass coronarico nei pazienti con malattia coronarica a tre vasi o dell’arteria coronaria principale sinistra: follow-up a 10 anni dello studio SYNTAX


Lo studio SYNTAX ( Synergy between PCI with Taxus and Cardiac Surgery ) è stato uno studio di non-inferiorità che ha confrontato l'intervento coronarico percutaneo ( PCI ) utilizzando stent a rilascio di Paclitaxel, di prima generazione, con il bypass coronarico ( CABG ) in pazienti con malattia coronarica de-novo a tre vasi e della arteria coronarica principale sinistra con risultati riportati fino a 5 anni.

Sono stati riportati i risultati a 10 anni per morte per tutte le cause.

Lo studio SYNTAXES ( SYNTAX Extended Survival ) è un'estensione guidata dallo sperimentatore del follow-up di uno studio multicentrico, randomizzato e controllato, condotto in 85 ospedali in 18 Paesi nordamericani ed europei.
I pazienti con malattia coronarica de-novo a tre vasi e dell’arteria coronarica principale sinistra sono stati assegnati in modo casuale al gruppo PCI o al gruppo CABG.
Sono stati esclusi i pazienti con anamnesi di PCI o CABG, infarto miocardico acuto o indicazione di concomitante cardiochirurgia.

L'endpoint primario dello studio SYNTAXES era il decesso per tutte le cause a 10 anni, che è stato valutato secondo intention-to-treat.
Le analisi dei sottogruppi prespecificati sono state eseguite in base alla presenza o all'assenza della malattia dell’arteria coronaria principale sinistra e del diabete mellito, e in base alla complessità coronarica definita da terzili di punteggio SYNTAX.

Dal 2005 al 2007, 1.800 pazienti sono stati assegnati in modo casuale al gruppo PCI ( n=903 ) oppure al gruppo CABG ( n=897 ).
Le informazioni sullo stato vitale a 10 anni erano complete per 841 pazienti ( 93% ) nel gruppo PCI e 848 ( 95% ) pazienti nel gruppo CABG.

A 10 anni, 244 pazienti ( 27% ) erano deceduti dopo intervento PCI e 211 ( 24% ) dopo CABG ( hazard ratio, HR=1.17, P=0.092 ).

Tra i pazienti con malattia a tre vasi, 151 su 546 ( 28% ) erano deceduti dopo PCI rispetto a 113 su 549 ( 21% ) dopo CABG ( HR=1.41 ) e tra i pazienti con malattia dell’arteria coronaria principale sinistra, 93 su 357 ( 26% ) erano deceduti dopo PCI rispetto a 98 su 348 ( 28% ) dopo CABG ( 0.90, P interazione=0.019 ).

Non vi è stata alcuna interazione tra trattamento per sottogruppo e diabete ( P interazione=0.66 ) e nessuna tendenza lineare tra i terzili del punteggio SYNTAX ( P tendenza=0.30 ).

A 10 anni, non sono emerse differenze significative nella mortalità per qualsiasi causa tra intervento coronarico percutaneo con stent a rilascio di Paclitaxel di prima generazione e CABG.
Tuttavia, CABG ha fornito un significativo beneficio in termini di sopravvivenza nei pazienti con malattia trivasale, ma non nei pazienti con malattia dell’arteria coronaria principale sinistra. ( Xagena2019 )

Thuijs DJFM et al, Lancet 2019; 394: 1325-1334

Cardio2019



Indietro