Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Esiti materni e fetali di ricovero per parto in donne con malattia cardiaca congenita


Le donne con cardiopatia congenita possono avere un aumentato rischio di eventi avversi durante la gravidanza e il parto.
Sono stati confrontati gli esiti del parto tra donne con e senza cardiopatia congenita.

È stato effettuato uno studio retrospettivo sui ricoveri ospedalieri per il parto, utilizzando il database HCUP-SID della California ( Healthcare Cost and Utilization Project’s California State Inpatient Database ), che ha confrontato gli esiti materni e fetali tra donne con e senza cardiopatia congenita.

L'associazione tra cardiopatia congenita e riammissione è stata valutata 7 anni dopo il parto.
La morbilità e la mortalità cardiovascolare sono state ipotizzate più elevate tra le donne con cardiopatia congenita.
I dati sono stati analizzati per il periodo 2014-2017. e le esposizioni considerate nello studio sono state cardiopatia congenita non-complicata e cardiopatia congenita complicata.

Gli esiti materni hanno incluso aritmie ospedaliere, eclampsia o preeclampsia, insufficienza cardiaca congestizia, durata del ricovero, travaglio pretermine, anemia che complica la gravidanza, anomalie della placenta, infezione durante il travaglio, riammissione materna a 1 anno e mortalità ospedaliera.
Gli esiti fetali hanno incluso restrizione della crescita, sofferenza e morte.

Tra i 3.642.041 ricoveri per il parto identificati, 3.189 donne soffrivano di cardiopatia congenita non-complicata ( età media, 28.6 anni ) e 262 avevano cardiopatia congenita complicata ( età media, 26.5 anni ).

Le donne con malattia cardiaca congenita erano più soggette a parto cesareo ( 1.357, 39.3%, vs 1.164.509 donne senza cardiopatia congenita, 32.0%; P minore di 0.001 ).

Lo scompenso cardiaco congestizio incidente, le aritmie atriali, le aritmie ventricolari e la mortalità materna non erano comuni durante il ricovero in ospedale, con ciascuna che si è verificata in meno di 10 donne con cardiopatia congenita non-complicata o complicata ( meno di 0.5% ciascuna ).
Dopo aggiustamento multivariato, la cardiopatia congenita non-complicata ( odds ratio, OR=9.7 ) e la cardiopatia congenita complessa ( OR=56.6 ) sono state associate a maggiore probabilità di insufficienza cardiaca incidente.

Probabilità simili sono state riscontrate per le aritmie atriali nella cardiopatia congenita non-complicata ( OR=8.2 ) e complicata ( OR=31.8 ), per la restrizione della crescita fetale nella cardiopatia non-complicata ( OR=1.6 ) e complicata ( OR=3.5 ) e per la riammissione ospedaliera in entrambi i gruppi di cardioaptie congenite combinati ( OR=3.6).

La cardiopatia congenita complicata è risultata associata a maggiore probabilità di aritmie ventricolari gravi ( OR=31.8 ) e a più alta mortalità materna in ospedale ( OR=79.1 ).

In conclusione, in questo studio sui ricoveri ospedalieri per il parto in California, la cardiopatia congenita era associata a insufficienza cardiaca congestizia incidente, aritmie atriali e restrizione della crescita fetale, mentre la cardiopatia congenita complicata era associata ad aritmie ventricolari e mortalità materna in ospedale, sebbene questi esiti fossero rari, anche nelle donne con cardiopatia congenita complicata.
Questi risultati possono guidare le decisioni sul monitoraggio e la valutazione del rischio per le donne in gravidanza con cardiopatia congenita al momento del parto. ( Xagena2017 )

Hayward RM et al, JAMA Cardiol 2017; 2: 664-671

Cardio2017 Pedia2017



Indietro