52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Esiti clinici a lungo termine di eventi cardiaci avversi nei sopravvissuti a endocardite infettiva


Morbilità e mortalità correlate a endocardite infettiva possono manifestarsi anche dopo il successo del trattamento.
Tuttavia, nessuno studio precedente ha esaminato gli endpoint a lungo termine ( ad esempio, ictus, infarto del miocardio, insufficienza cardiaca, morte cardiovascolare ) in aggiunta a tutte le cause di mortalità nei sopravvissuti a endocardite infettiva.

È stato condotto uno studio di coorte basato sulla popolazione a livello nazionale tra i sopravvissuti a endocardite infettiva individuati con l'uso del Taiwan National Health Insurance Research Database dal 2000 al 2009.
I sopravvissuti a endocardite infettiva sono stati definiti come coloro che sono sopravvissuti dopo la dimissione dalla prima ospedalizzazione con una diagnosi di endocardite infettiva.

In totale, sono stati identificati 10.116 sopravvissuti a endocardite infettiva, che sono stati abbinati a soggetti di controllo senza endocardite infettiva in un rapporto 1:1 con l'uso di punteggi di propensione.

Gli esiti primari erano ictus, infarto del miocardio, riammissione per insufficienza cardiaca e morte cardiaca improvvisa o aritmia ventricolare.
Gli esiti secondari erano endocardite infettiva ripetuta e mortalità per tutte le cause.

Rispetto alla coorte abbinata, i sopravvissuti a endocardite infettiva avevano maggiori rischi di ictus ischemico ( hazard ratio aggiustato, aHR=1.59 ), ictus emorragico ( aHR=2.37 ), infarto miocardico ( aHR=1.44 ), riammissione per insufficienza cardiaca ( aHR=2.24 ), morte improvvisa o aritmie ventricolari ( aHR=1.69 ) e morte per tutte le cause ( aHR=2.27 ).

I fattori di rischio per endocardite infettiva ripetuta erano l'età avanzata, il sesso maschile, l'abuso di droga e la sostituzione valvolare dopo un episodio iniziale di endocardite infettiva.

In conclusione, nonostante il trattamento, il rischio di eventi avversi cardiaci a lungo termine è notevolmente aumentato nei sopravvissuti a endocardite infettiva. ( Xagena2014 )

Shih CJ et al, Circulation 2014;130:1684-1691

Cardio2014 Inf2014



Indietro