Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Xagena Mappa

Effetti della dieta e della riduzione del sodio su danno cardiaco, deformazione e infiammazione: studio DASH-Sodium


La dieta DASH ( Dietary Approaches to Stop Hypertension ) ha dimostrato di avere effetti benefici sui biomarcatori cardiaci.
Gli effetti della riduzione del sodio sui biomarcatori cardiaci, da soli o in combinazione con la dieta DASH, sono sconosciuti.

Sono stati determinati gli effetti della riduzione del sodio e della dieta DASH, da soli o in combinazione, sui biomarcatori di danno cardiaco, deformazione e infiammazione.

DASH-Sodium era uno studio sull'alimentazione controllata in adulti con pressione sistolica ( BP ) da 120 a 159 mm Hg e pressione diastolica da 80 a 95 mm Hg, assegnati in modo casuale alla dieta DASH o a una dieta di controllo.
Nella dieta loro assegnata, i partecipanti hanno consumato ciascuno dei tre livelli di sodio per 4 settimane.
Il peso corporeo è stato mantenuto costante.

Al livello di 2.100 kcal, i 3 livelli di sodio erano bassi ( 50 mmol/giorno ), medi ( 100 mmol/giorno ) e alti ( 150 mmol/giorno ).

Gli esiti erano 3 biomarcatori cardiaci: troponina I cardiaca ad alta sensibilità ( hs-cTnI ) ( misura del danno cardiaco ), frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico di tipo B ( NT-proBNP ) ( misura della deformazione ) e proteina C reattiva ad alta sensibilità ( hs-CRP ) ( misura dell'infiammazione ), rilevati al basale e alla fine di ogni periodo di alimentazione.

Tra i 412 partecipanti originali, l'età media era di 48 anni; il 56% erano donne e il 56% erano neri.
La pressione sistolica / diastolica media al basale era di 135/86 mm Hg.

La dieta DASH ( rispetto al controllo ) ha ridotto hs-cTnI del 18% e hs-CRP del 13%, ma non NT-proBNP.

Per contro, la riduzione del sodio da livelli alti a livelli bassi ha ridotto NT-proBNP indipendentemente dalla dieta ( 19% ), ma non ha alterato hs-cTnI e ha leggermente aumentato hs-CRP ( 9% ).

La combinazione di DASH con la riduzione del sodio ha ridotto hs-cTnI del 20% e NT-proBNP del 23%, mentre hs-CRP non è stata modificata in modo significativo ( -7% ) rispetto alla dieta ad alto contenuto di sodio.

La combinazione di un modello alimentare DASH con la riduzione del sodio può ridurre due distinti meccanismi di danno cardiaco subclinico: lesioni e deformazione, mentre la dieta DASH da sola riduce l'infiammazione. ( Xagena2021 )

Juraschek SP et al, J Am Coll Cardiol 2021; 77: 2625-2634

Cardio2021



Indietro