Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Dispositivo Impella per infarto miocardico acuto complicato da shock cardiogeno: analisi di mortalità a 30 giorni dello studio IABP-SHOCK II


I dispositivi di supporto circolatorio meccanico percutaneo sono sempre più utilizzati nell'infarto miocardico acuto complicato da shock cardiogeno ( AMI-CS ), nonostante prove limitate riguardo alla loro efficacia.

Lo scopo dello studio è stato quello di valutare gli esiti associati all'uso del dispositivo Impella rispetto alla pompa a palloncino intra-aortica ( IABP; contropulsatore aortico ) e al trattamento medico in pazienti con infarto miocardico acuto associato a shock cardiogeno.

I dati dei pazienti con infarto e shock cardiogeno trattati con il dispositivo Impella negli ospedali europei sono stati raccolti in modo retrospettivo.
Tutti i pazienti sono stati sottoposti a rivascolarizzazione precoce e hanno ricevuto un trattamento medico ottimale.
Utilizzando i criteri di inclusione ed esclusione dello studio IABP-SHOCK II ( Intraaortic Balloon Pump in Cardiogenic Shock II ), 372 pazienti sono stati identificati e inclusi in questa analisi.
I pazienti sono stati abbinati a 600 pazienti dello studio IABP-SHOCK II.
I seguenti criteri di base sono stati usati come parametri di abbinamento: età, sesso, ventilazione meccanica, frazione di eiezione, precedente rianimazione cardiopolmonare e lattato.

L'endpoint primario era la mortalità per qualsiasi causa a 30 giorni.

In totale, 237 pazienti trattati con il dispositivo Impella potevano essere abbinati a 237 pazienti dello studio IABP-SHOCK II.
I parametri di base sono stati distribuiti in modo simile dopo la corrispondenza.

Non vi è stata alcuna differenza significativa nella mortalità per qualsiasi causa a 30 giorni ( 48.5% vs 46.4%, P=0.64 ).

Sanguinamenti gravi o potenzialmente letali ( 8.5% vs 3.0%, P minore di 0.01 ) e complicanze vascolari periferiche ( 9.8% vs 3.8%, P=0.01 ) si sono verificate significativamente più spesso nel gruppo Impella.
Limitare l'analisi ai pazienti trattati con contropulsazione aortica come gruppo di controllo non ha modificato i risultati.

In questa analisi retrospettiva di pazienti con infarto miocardico e shock cardiogeno, l'uso di un dispositivo Impella non è risultato associato a una mortalità a 30 giorni inferiore rispetto ai pazienti abbinati dello studio IABP-SHOCK II trattati con contropulsazione aortica o terapia medica.
Per valutare ulteriormente questo aspetto, è necessario un ampio studio randomizzato per determinare l'effetto del dispositivo Impella sull'esito nei pazienti con infarto miocardico acuto complicato da shock cardiogeno. ( Xagena2019 )

Schrage B et al, Circulation 2019; 139: 1249-1258

Cardio2019



Indietro