Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Disfunzione microcircolatoria coronarica e rigetto cellulare acuto dopo trapianto di cuore


Il rigetto cellulare acuto è una dei principali determinanti della mortalità e del ritrapianto dopo il trapianto di cuore.
Si è cercato di valutare le implicazioni prognostiche della disfunzione microcircolatoria coronarica valutata in base all'indice di resistenza microcircolatoria ( IMR ) per il rischio di rigetto cellulare acuto dopo trapianto di cuore.

Uno studio ha arruolato prospetticamente 154 destinatari di trapianto di cuore che sono stati sottoposti ad angiografia coronarica programmata e valutazione fisiologica coronarica invasiva 1 mese dopo il trapianto.
L' indice di resistenza microcircolatoria è la resistenza microcircolatoria in condizioni di massima iperemia.

Misurando il tempo di transito medio iperemico impiegando 3 iniezioni ( 4 ml ciascuna ) di soluzione salina a temperatura ambiente in condizioni di massima iperemia, l'IMR è stato calcolato come pressione coronarica distale iperemica x tempo di transito medio iperemico.

L'endpoint primario era il rigetto cellulare acuto di grado maggiore o uguale a 2R dimostrato dalla biopsia durante i 2 anni di follow-up dopo il trapianto ed è stato confrontato utilizzando la regressione multivariata dei rischi proporzionali di Cox secondo IMR. Il valore prognostico incrementale dell'IMR, oltre al modello con fattori clinici, è stato valutato confrontando indice C, indice di riclassificazione netto e indice di discriminazione integrata.

L'età media dei destinatari era di 51.2 anni ( 81.2% maschi ) e l'incidenza cumulativa di rigetto cellulare acuto è stata del 19.0% a 2 anni.
I pazienti con rigetto cellulare acuto avevano valori IMR significativamente più alti a 1 mese rispetto a quelli senza rigetto cellulare acuto ( 23.1 vs 16.8, P=0.002 ).

L'IMR è risultato significativamente associato al rischio di rigetto cellulare acuto ( per aumento di 5 U: hazard ratio aggiustato, aHR=1.18, P=0.011 ) e il valore di cutoff ottimale di IMR per predire il rigetto cellulare acuto è stato 15.
I pazienti con IMR maggiore o uguale a 15 hanno mostrato un rischio significativamente più elevato di rigetto cellulare acuto rispetto a quelli con IMR inferiore a 15 ( 34.4% vs 3.8%; aHR=15.3, P minore di 0.001 ).

L'aggiunta di IMR alle variabili cliniche ha mostrato una capacità discriminante e di riclassificazione significativamente più elevata per il rischio di rigetto cellulare acuto ( indice C 0.87 vs 0.74, P minore di 0.001; indice di riclassificazione netto 1.5, P minore di 0.001; indice di discriminazione integrata 0.20, P minore di 0.001 ).

La disfunzione microcircolatoria coronarica valutata mediante IMR, misurata subito dopo il trapianto di cuore, ha mostrato un'associazione significativa con il rischio di rigetto cellulare acuto.
Oltre alla biopsia endomiocardica di sorveglianza, la stratificazione precoce mediante IMR potrebbe essere uno strumento clinicamente utile per identificare i pazienti a più alto rischio di futuro rigetto cellulare acuto dopo il trapianto di cuore. ( Xagena2021 )

Lee JM et al, Circulation 2021; 144: 1459-1472

Cardio2021 Med2021



Indietro