52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Defibrillatore cardioverter impiantabile sottocutaneo in pazienti con cardiomiopatia / displasia aritmogena ventricolare destra


Nonostante l'uso crescente del defibrillatore cardioverter impiantabile sottocutaneo ( S-ICD ), il suo ruolo clinico nei pazienti con cardiomiopatia / displasia aritmogena del ventricolo destro ( ARVC/D ) rimane indefinito.

Si è cercato di chiarire il fenotipo cardiaco, le caratteristiche dell'impianto e l'efficacia a lungo termine per quanto riguarda la terapia appropriata e le complicanze nei pazienti con ARVC/D con un impianto di ICD sottocutaneo.

Una coorte transatlantica di pazienti con ARVC/D che sono stati sottoposti a impianto di ICD sottocutaneo è stata analizzata per caratteristiche cliniche, terapia con ICD sottocutaneo ed esiti a lungo termine comprese le complicanze legate al dispositivo.

La coorte includeva 29 pazienti ( 52% maschi, 76% probandi, 59% con mutazione associata a ARVC/D, 59% di prevenzione primaria con assenza di aritmie ventricolari sostenute in precedenza e 45% con dispositivi ICD sottocutanei di prima generazione ).

All'impianto, tutti i pazienti inducibili ( 27/29 ) hanno avuto una conversione della fibrillazione ventricolare indotta.
Due pazienti ( 7% ) hanno presentato infezioni superficiali del sito di incisione che sono state trattate in modo conservativo.

Nel corso di un follow-up mediano di 3.16 anni, tutti gli episodi ( 6 pazienti, 4% all'anno ) di aritmie ventricolari sostenute sono stati rilevati e trattati in modo appropriato.
6 pazienti ( 21% ) hanno subito 39 shock inappropriati, con 3 che hanno richiesto l'espianto del dispositivo.

Il fenomeno di oversensing del segnale non-cardiaco ( n=4, in particolare miopotenziali ) e del segnale cardiaco ( n=4 ) era l'eziologia più frequente.

Non è stato notato nessuno spostamento della sonda o del dispositivo, infezione, erosione cutanea o espianto correlato alla necessità di stimolazione antitachicardica.

In conclusione, il defibrillatore cardioverter impiantabile sottocutaneo può trattare efficacemente sia le aritmie ventricolari indotte sia spontanee in pazienti con displasia aritmogena del ventricolo destro o cardiomiopatia aritmogena del ventricolo destro.
Il tasso di shock inappropriati, sebbene considerevole, è paragonabile a quello dei pazienti con ARVC/D trattati con ICD transvenosi.
Quando si sono verificati, gli shock inappropriati erano principalmente dovuti a oversensing cardiaco e, in modo univoco, non-cardiaco. ( Xagena2018 )

Orgeron GM et al, J Am Heart Assoc 2018;7(21):e008782. doi: 10.1161/JAHA.118.008782.

Cardio2018



Indietro