52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Xagena Mappa

Associazione dell'obesità con esiti avversi a lungo termine nella cardiomiopatia ipertrofica


I pazienti con cardiomiopatia ipertrofica ( HCM ) sono inclini all'aumento di peso corporeo e all'obesità.
Non è ancora chiaro se questo predisponga questi individui a esiti avversi a lungo termine.

È stata descritta l'associazione dell'indice di massa corporea ( BMI, calcolato come peso in chilogrammi diviso per altezza in metri quadrati ) con esiti a lungo termine nei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica in termini di progressione globale della malattia, sintomi di insufficienza cardiaca e aritmie.

In uno studio di coorte, i dati retrospettivi sono stati analizzati dal Sarcomeric Human Cardiomyopathy Registry, prospettico, in corso, un database internazionale creato da 8 Centri HCM ad alto volume, con più di 6.000 pazienti osservati per decenni.

Sono stati analizzati i dati dall'inizio del database fino al primo trimestre del 2018. I pazienti sono stati divisi in 3 gruppi in base alla classe di indice BMI ( gruppo di peso normale, inferiore a 25; gruppo di preobesità, 25-30; e gruppo di obesità, superiore a 30 ).
I pazienti con una o più visite di follow-up sono stati inclusi nell'analisi ed è stata valutata l'associazione dell'indice BMI basale con l’esito.

L’esito è stato misurato rispetto alla mortalità globale e cardiovascolare, un esito di insufficienza cardiaca ( frazione di eiezione inferiore al 35%, sintomi di classe III / IV NYHA, trapianto cardiaco o impianto di dispositivo di assistenza ), un esito aritmico ventricolare ( morte cardiaca improvvisa, arresto cardiaco rianimato o terapia appropriata con defibrillatore cardioverter impiantabile ) e un esito composito complessivo ( prima occorrenza di qualsiasi componente dell’endpoint composito aritmico ventricolare o di insufficienza cardiaca, mortalità per qualsiasi causa, fibrillazione atriale o ictus ).

Dei 3.282 pazienti inclusi, 2019 ( 61.5% ) erano di sesso maschile e l'età media alla diagnosi era di 47 anni.
Questi pazienti sono stati osservati per una mediana di 6.8 anni.
C'erano 962 pazienti nel gruppo con peso normale ( 29.3% ), 1.280 pazienti nel gruppo preobesità ( 39.0% ) e 1.040 pazienti nel gruppo obesità ( 31.7% ).

I pazienti con obesità erano più sintomatici ( classe NYHA III / IV: peso normale, 87, 9.0%; preobesità, 138, 10.8%; obesità, 215, 20.7%; P minore di 0.001 ) e più spesso avevano fisiologia ostruttiva ( peso normale, 201, 20.9%; preobesità, 327, 25.5%; obesità, 337, 32.4%; P minore di 0.001 ).

Al follow-up, l'obesità è stata associata in modo indipendente all’esito composito globale correlato alla cardiomiopatia ipertrofica ( preobesità versus peso normale: hazard ratio, HR, 1.102; P=0.29; obesità vs peso normale: HR, 1.634; P minore di 0.001 ) e all'esito composito di insufficienza cardiaca ( preobesità vs peso normale: HR, 1.192; P=0.20; obesità vs peso normale: HR, 1.885; P minore di 0.001 ) indipendentemente da età, sesso, diametro dell'atrio sinistro, ostruzione e stato genetico.

L'obesità ha aumentato la probabilità di fibrillazione atriale ma non di aritmie ventricolari potenzialmente letali.

L'obesità è molto diffusa tra i pazienti con cardiomiopatia ipertrofica ed è associata a una maggiore probabilità di fisiologia ostruttiva ed esiti avversi.
Le strategie volte a prevenire l'obesità e l'aumento di peso possono svolgere un ruolo importante nella gestione e nella prevenzione delle complicanze legate alla malattia. ( Xagena2020 )

Fumagalli C et al, JAMA Cardiol 2020; 5: 65-72

Cardio2020 Endo2020



Indietro