Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Associazione del trattamento a base di inibitore renina-angiotensina alla mortalità e alla riammissione ospedaliera per insufficienza cardiaca nei pazienti sottoposti a sostituzione della valvola aortica transcatetere


Non sono disponibili dati sull'effetto di un inibitore del sistema renina-angiotensina ( RAS ) prescritto dopo la sostituzione della valvola aortica transcatetere ( TAVR ).
Il trattamento con un inibitore RAS può invertire il rimodellamento ventricolare sinistro e migliorare la funzionalità.

È stata studiata l'associazione tra la prescrizione di un inibitore RAS e gli esiti dopo TAVR in uno studio di coorte retrospettivo delle procedure TAVR eseguite negli Stati Uniti ( utilizzando il registro STS/ACC TVT [ Society of Thoracic Surgeons / American College of Cardiology Transcatheter Valve Therapies ] Registry ) tra il 2014 e il 2016 collegate ai dati Medicare ( data finale di follow-up nel 2017 ).

Gli esiti primari erano la morte per tutte le cause e la riammissione in ospedale a causa di insufficienza cardiaca 1 anno dopo la dimissione, che sono stati considerati separatamente.
L'esito secondario era lo stato di salute valutato mediante il questionario KCCQ ( Kansas City Cardiomyopathy Questionnaire; intervallo di punteggio: 0-100, con un punteggio più alto ad indicare meno carico di sintomi e migliore qualità di vita; una dimensione ridotta dell'effetto è stata definita come 5 punti ) a 1 anno.

Tra 21.312 pazienti sottoposti a TAVR in 417 Centri statunitensi, 8.468 pazienti ( 39.7% ) hanno ricevuto un inibitore RAS alla dimissione ospedaliera.
Dopo l'adattamento per propensione, sono stati inclusi 15.896 pazienti ( età media, 82.4 anni, 48.1% donne, frazione di eiezione ventricolare sinistra [ FEVS ] media, 51.9% ).

I pazienti con una prescrizione per un inibitore RAS rispetto a quelli senza prescrizione avevano tassi di mortalità più bassi a 1 anno ( 12.5% vs 14.9%, rispettivamente, differenza assoluta di rischio ARD, -2.4%; hazard ratio HR, 0.82 ) e tassi di riammissione per insufficienza cardiaca inferiori a 1 anno ( 12.0% vs 13.8%; ARD, -1.8%; HR, 0.86 ).

Quando si è stratificato per FEVS, avere una prescrizione per un inibitore RAS rispetto a nessuna prescrizione era associato a una mortalità a 1 anno inferiore tra i pazienti con FEVS conservata ( 11.1% vs 13.9%, rispettivamente: ARD, -2.81%; HR, 0.78 ), ma non tra quelli con FEVS ridotta ( 18.8% vs 19.5%; ARD, -0.68%, HR, 0.95 ) ( P=0.04 per interazione ).

Su 15.896 pazienti abbinati, 4.837 ( 30.4% ) sono stati inclusi nell'analisi del punteggio KCCQ e i miglioramenti a 1 anno sono stati maggiori nei pazienti con prescrizione di un inibitore RAS rispetto a quelli senza prescrizione ( mediana 33.3 vs 31.3, rispettivamente; differenza nel miglioramento, 2.10, P minore di 0.001 ), ma la dimensione dell'effetto non è stata clinicamente significativa.

In conclusione, tra i pazienti sottoposti a TAVR, la prescrizione di un inibitore RAS alla dimissione ospedaliera rispetto a nessuna prescrizione è risultata significativamente associata a un minore rischio di mortalità e riammissione per insufficienza cardiaca.
Tuttavia, a causa di potenziali errori di selezione, questi dati richiedono ulteriori indagini in studi randomizzati. ( Xagena2018 )

Inohara T et al, JAMA 2018; 320: 2231-2241

Cardio2018 Farma2018


Indietro