Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Tasso di impianto di pacemaker dopo impianto transcatetere di valvola aortica con dispositivi di prima e di nuova generazione


L'incidenza di anomalie di conduzione di nuova insorgenza che richiedono l'impianto di pacemaker permanente ( PPI ) dopo l'impianto transcatetere di valvola aortica ( TAVI ) con protesi di nuova generazione rimane oggetto di discussione.
Una revisione sistematica ha analizzato l'incidenza di impianto di pacemaker permanente dopo TAVI con dispositivi di nuova generazione, e ha valutato i fattori elettrici, anatomici e procedurali associati a impianto di pacemaker permanente.
Inoltre, è stata esaminata per il confronto l'incidenza di impianto di pacemaker permanente dopo TAVI con protesi di prima generazione.

E' stata effettuata una revisione sistematica che ha preso in esame gli articoli originali pubblicati tra il 2010 e il 2017, riportando l'incidenza di impianto di pacemaker permanente dopo l'impianto di protesi TAVI di prima e di nuova generazione.

Sono stati inclusi 40 studi ( n=17.139 ).

L'incidenza di impianto di pacemaker permanente dopo l'uso di una protesi TAVI di nuova generazione è stata compresa tra il 2.3% e il 36.1%.

Per le protesi con palloncino espandibile, la frequenza di impianto di pacemaker permanente è rimasta bassa quando si è utilizzato un dispositivo SAPIEN di prima generazione ( compresa tra 2.3% e 28.2% ); con il dispositivo SAPIEN 3 di nuova generazione, il tasso di impianto di pacemaker permanente è stato compreso tra 4.0% e 24.0%.

Per le protesi autoespandibili, i tassi di impianto di pacemaker permanente sono stati più elevati con il dispositivo CoreValve di prima generazione ( 16.3-37.7% ), e nonostante una riduzione dei tassi di impianto di pacemaker permanente con il nuovo Evolut R, i tassi sono rimasti relativamente più elevati ( 14.7-26.7% ).

Quando si sono divisi gli studi in base al più alto ( superiore al 26.0% ) e al più basso ( inferiore al 12.1% ) quintile della frequenza di impianto di pacemaker permanente, i pazienti all'interno del quintile più alto erano più frequentemente donne rispetto al gruppo nel quintile più basso ( 50.9% vs 46.3%; P minore di 0,001 ).

Anomalie di conduzione preesistenti ( fattore elettrico ), calcificazione del tratto di efflusso del ventricolo sinistro ( fattore anatomico ) e valvuloplastica con palloncino e profondità dell'impianto ( fattori procedurali ) sono stati associati a un aumentato rischio di impianto di pacemaker permanente.

In conclusione, il tasso di impianto di pacemaker permanente dopo TAVI con i dispositivi di nuova generazione è molto variabile.
Potrebbero essere necessarie raccomandazioni specifiche per l'impianto di ciascuna protesi, prendendo in considerazione la presenza di anomalie di conduzione preesistenti e fattori anatomici, per ridurre il rischio di impianto di pacemaker permanente. ( Xagena2018 )

van Rosendael PJ et al, Eur Heart J 2018; 39: 2003-2013

Cardio2018



Indietro