American Heart Association
Associazione Silvia Procopio
ACC Meeting

Stent medicati versus stent di metallo nudo durante procedura PCI nei pazienti con insufficienza renale in stadio finale in dialisi


Nei pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo ( PCI ), gli stent medicati riducono le rivascolarizzazioni ripetute rispetto agli stent di metallo nudo, ma i loro effetti su mortalità e infarto del miocardio sono misti.
Pochi studi si sono concentrati sui pazienti con malattia renale allo stadio terminale.
Uno studio ha confrontato mortalità e morbilità cardiovascolare durante l’intervento coronarico percutaneo con stent a rilascio di farmaco e stent di metallo nudo nei pazienti in dialisi.

Sono stati identificati 36.117 pazienti in dialisi da USRDS ( United States Renal Data System ) che avevano subito stenting coronarico negli Stati Uniti tra il 2003 e il 2010 ed è stata esaminata l'associazione tra stent a rilascio di farmaci rispetto a stent di metallo nudo con i risultati a 1 anno: morte; morte o infarto miocardico; morte, infarto miocardico o rivascolarizzazione ripetuta.

È stata inoltre condotta una analisi temporale dividendo il periodo di studio in 3 ere per gli stent medicati: transitoria ( aprile 2003-giugno 2004 ); liberale ( luglio 2004-dicembre 2006 ); selettiva ( gennaio 2007-dicembre 2010 ).

Le percentuali di eventi a 1 anno sono state alte, con 38 morti; 55 decessi e infarti miocardici; e 71 decessi, infarti miocardici, o rivascolarizzazione ripetuta per 100 anni-persona.

Gli stent medicati, rispetto agli stent di metallo nudo, sono risultati associati a un rischio di mortalità significativamente più basso del 18%; rischio di mortalità o infarto miocardico più basso del 16%; e rischio di mortalità, infarto miocardico o rivascolarizzazione ripetuta più basso del 13%.

L’uso di stent medicati è variato, dal 56% nel periodo di transizione all’85% in epoca liberale al 62% nell’epoca selettiva.

Gli esiti associati all’impiego di stent a eluizione di farmaco nell'era liberale erano significativamente migliori rispetto all'era di transizione, ma non significativamente migliori rispetto all'era selettiva.

In conclusione, gli stent medicati per intervento coronarico percutaneo sembrano essere sicuri per l'uso nei pazienti sottoposti a dialisi negli Stati Uniti, e sono associati a una minore incidenza di mortalità, infarto miocardico e rivascolarizzazione ripetuta. ( Xagena2016 )

Chang TI et al, J Am Coll Cardiol 2016; 67: 1459-1469

Cardio2016 Farma2016


Indietro