CardioPreventariab.it
American Heart Association
ACC Meeting

Riparazione endovascolare versus a cielo aperto di aneurisma aortico addominale: 15 anni di follow-up


La riparazione endovascolare dell’aneurisma fornisce un beneficio di sopravvivenza precoce, ma una sopravvivenza tardiva inferiore rispetto alla riparazione a cielo aperto.

I benefici di sopravvivenza a breve termine dalla riparazione endovascolare dell’aneurisma ( EVAR ) rispetto alla riparazione a cielo aperto di aneurismi dell'aorta addominale intatti sono stati dimostrati in studi clinici randomizzati, ma questo beneficio di sopravvivenza precoce viene meno dopo pochi anni.

Si è studiato se lo studio la riparazione endovascolare dell’aneurisma offre un beneficio di sopravvivenza a lungo termine rispetto alla riparazione a cielo aperto.

Sono stati utilizzati i dati dello studio randomizzato EVAR ( EVAR 1 ), che ha arruolato 1252 pazienti provenienti da 37 Centri nel Regno Unito tra il 1999 e il 2004.
I pazienti dovevano avere una età di almeno 60 anni, aneurismi di almeno 5.5 cm di diametro, e dovevano essere ritenuti idonei sia per la riparazione endovascolare dell’aneurisma che per la riparazione a cielo aperto.

I pazienti idonei sono stati randomizzati a ricevere la riparazione endovascolare ( n=626 ) o la riparazione in aperto ( n=626 ).

L'analisi primaria ha confrontato le morti totali e i decessi correlati ad aneurisma in gruppi fino a metà 2015 nella popolazione intention-to-treat.

Sono stati reclutati 1.252 pazienti tra il 1999 e il 2004.
25 pazienti ( 4 per esito di mortalità ) sono stati persi al follow-up entro metà 2015.

Nel corso di un media di 12.7 anni di follow-up, sono stati registrati 9.3 morti per 100 anni-persona nel gruppo riparazione endovascolare e 8.9 morti per 100 anni-persona nel gruppo di riparazione in aperto ( hazard ratio, HR=1.11, P=0.14 ).

A 0-6 mesi dopo la randomizzazione, i pazienti nel gruppo riparazione endovascolare hanno presentato una mortalità inferiore ( hazard ratio, HR aggiustato 0.61 per la mortalità totale, e 0.47 per la mortalità correlata all’aneurisma, P=0.031 ), ma a 8 anni di follow-up la riparazione in aperto ha mostrato una mortalità significativamente inferiore ( HR aggiustato 1.25, P=0.048 per la mortalità totale, e 5.82, P=0.0064 per la mortalità correlata ad aneurisma ).

L'aumento della mortalità correlata ad aneurisma nel gruppo riparazione endovascolare dopo 8 anni è attribuibile principalmente alla rottura secondaria dell'aneurisma ( 13 decessi, 7%, con la riparazione endovascolare versus 2, 1%, nella riparazione in aperto ), con un aumento della mortalità da cancro osservato anche nel gruppo riparazione endovascolare.

La riparazione endovascolare ha mostrato un beneficio di sopravvivenza precoce, ma una sopravvivenza tardiva inferiore rispetto alla riparazione a cielo aperto.
I pazienti sottoposti a riparazione endovascolare necessitano di sorveglianza permanente, ed eventualmente re-intervento. ( Xagena2016 )

Patel R et al, Lancet 2016; 388: 2366-2374

Cardio2016 Chiru2016



Indietro