CardioPreventariab.it
Prevenzione malattie cardiovascolari
Associazione Silvia Procopio
Gastroenterologia.net

Impianto transcatetere valve-in-valve in posizione tricuspidalica per il trattamento di valvole bioprotesiche chirurgiche disfunzionali


L’uso off-label di protesi valvolari aortiche e polmonari per via transcatetere per l'impianto valve-in-valve in posizione tricuspidalica ( TVIV ) dentro le bioprotesi chirurgiche degenerate della valvola tricuspide è stato descritto in piccoli report.

È stato sviluppato un Registro multicentrico internazionale per raccogliere dati sui casi di impianto valve-in-valve in posizione tricuspidalica.

Le procedure valve-in-ring o di impianto eterotopico di valvola tricuspide non sono state incluse.

I dati sono stati raccolti su 156 pazienti con degenerazione della bioprotesi di valvola tricuspide che sono stati sottoposti a cateterizzazione con impianto pianificato valve-in-valve in posizione tricuspidalica.
L'età media era di 40 anni, e il 71% dei pazienti era in classe NYHA III o IV.

Tra 152 pazienti nei quali l’impianto di valve-in-valve in posizione tricuspidalica è stato tentato con una valvola Melody ( n=94 ) o Sapien ( n=58 ), l'impianto ha avuto successo in 150, con poche gravi complicanze.
Dopo impianto valve-in-valve, sia il gradiente inflow della valvola tricuspide sia il grado di rigurgito della tricuspide sono migliorati in modo significativo.

Durante il follow-up ( mediana, 13.3 mesi ), 22 pazienti sono morti, 5 entro 30 giorni; tutti e 22 i pazienti erano in classe NYHA III o IV, e 9 erano ricoverati in ospedale prima dell’impianto valve-in-valve.
Ci sono stati 10 reinterventi riguardanti la valvola tricuspide, e altri 3 pazienti hanno avuto una significativa ricorrente degenerazione delal valvola tricuspide.

Al follow-up, il 77% dei pazienti era in classe NYHA I o II ( P minore di 0.001 rispetto a prima di TVIV ).

Le dimensioni della valvola chirurgica o il tipo di valvola impiegata nell’intervento valve-in-valve non hanno modificato i risultati.

In conclusione, l’impianto valve-in-valve in posizione tricuspidalica con protesi disponibili in commercio per via transcatetere è tecnicamente e clinicamente efficace in pazienti di età diverse attraverso una vasta gamma di dimensioni della valvola.
Anche se lo stato clinico preimpianto è stato associato agli esiti, molti pazienti in classe NYHA III o IV al basale sono migliorati.
L’impianto valve-in-valve in posizione tricuspidalica dovrebbe essere considerato una valida opzione per il trattamento del fallimento delle bioprotesi di valvola tricuspide. ( Xagena2016 )

McElhinney DB et al, Circulation 2016; 133: 1582-1593

Cardio2016



Indietro