ACC Meeting
Associazione Silvia Procopio
American Heart Association

Il bypass coronarico con innesto bilaterale di arteria toracica interna è equivalente all’intervento con innesto singolo


Nei pazienti sottoposti a bypass coronarico ( CABG ) non è stata rilevata alcuna differenza significativa tra chi ha ricevuto innesti singoli di arteria toracica interna e chi ha ricevuto innesti bilaterali di arteria toracica interna per quanto riguarda la mortalità o il tasso di eventi cardiovascolari a 5 anni di follow-up.

Per verificare se l'uso di arterie toraciche interne ( mammarie ) bilaterali per CABG migliori gli esiti a lungo termine rispetto all'impiego di un singolo innesto di arteria toracica interna più vena, uno studio ha randomizzato i pazienti in attesa di sottoporsi a CABG a innesto singolo o bilaterale di arteria toracica interna presso 28 Centri di cardiochirurgia in 7 Paesi.

L'esito primario era la morte per qualsiasi causa a 10 anni. Il composito di morte per qualsiasi causa, infarto miocardico, o ictus era un endpoint secondario.

Sono stati arruolati in totale 3.102 pazienti; 1.554 sono stati assegnati in modo casuale a sottoporsi a singolo innesto di arteria toracica interna ( gruppo di innesto singolo ) e 1.548 sono stati assegnati a sottoporsi a innesto bilaterale di arteria toracica interna ( gruppo di innesto bilaterale ).

A 5 anni di follow-up, il tasso di mortalità è stato pari a 8.7% nel gruppo di innesto bilaterale e di 8.4% nel gruppo di innesto singolo ( hazard ratio, HR=1.04; P=0.77 ) e il tasso di esito composito di morte per tutte le cause, infarto miocardico, o ictus è stato, rispettivamente, pari a 12.2% e a 12.7%, ( HR=0.96; P=0.69 ).

Il tasso di complicanze della ferita sternale è stato di 3.5% nel gruppo di innesto bilaterale rispetto a 1.9% nel gruppo di innesto singolo ( P=0.005 ) e il tasso di ricostruzione sternale è stato di 1.9% versus 0.6% ( P=0.002 ).

In conclusione, tra i pazienti sottoposti a bypass coronarico, non vi è stata alcuna differenza significativa tra coloro che hanno ricevuto innesti singoli di arteria toracica interna e quelli che hanno ricevuto innesti bilaterali di arteria toracica interna relativamente alla mortalità o al tasso di eventi cardiovascolari a 5 anni di follow-up.
Ci sono state più complicazioni della ferita sternale con l’innesto bilaterale di arteria toracica interna che con l'innesto singolo di arteria toracica interna.
È in corso il follow-up a 10 anni. ( Xagena2016 )

Taggart DP et al, N Engl J Med 2016; 375: 2540-2549

Cardio2016 Chiru2016



Indietro