CardioPreventariab.it
Associazione Silvia Procopio
ACC Meeting

Gravidanza ed esiti nelle donne con cardiomiopatia aritmogena del ventricolo destro


L’obiettivo di uno studio è stato quello di caratterizzare il decorso della gravidanza e gli esiti nelle donne con displasia aritmogena del ventricolo destro / cardiomiopatia ( ARVD/C ).
Da un registro combinato Johns Hopkins / Dutch ARVD / C, sono state identificate 26 donne affette da displasia aritmogena del ventricolo destro / cardiomiopatia ( mediante 2010 Task Force Criteria ) nel corso di 39 gravidanze singole superiori a 13 settimane ( 1-4 per donna ).

Le incidenze di aritmie ventricolari e insufficienza cardiaca sono state confrontate con i tassi allo stato di non-gravidanza.

Il decorso della malattia a lungo termine è stato confrontato con 117 pazienti di sesso femminile in età fertile con displasia aritmogena del ventricolo destro / cardiomiopatia che non avevano avuto una gravidanza con ARVD/C.

Il trattamento durante la gravidanza ( n=39 ) ha incluso beta-bloccanti ( n=16 ), antiaritmici ( n=6 ), diuretici ( n=3 ) e defibrillatori impiantabili ( ICD ) ( n=28 ).

In 5 gravidanze ( 13% ), si è verificato un singolo evento aritmico ventricolare, tra cui due eventi terminati mediante defibrillatore cardioverter ( ICD ).

Le aritmie si sono verificate in modo sproporzionato in probandi senza storia di aritmie ventricolari ( P=0.045 ).

L’insufficienza cardiaca, gestita a livello ambulatoriale, si è sviluppata in due gravidanze ( 5% ) nelle donne con malattia biventricolare palese preesistente o malattia del ventricolo destro isolata.

Tutti i bambini sono nati vivi senza grandi complicazioni ostetriche.

I parti cesarei ( n=11, 28% ) hanno avuto indicazioni ostetriche, tranne uno ( scompenso cardiaco ).

La terapia con beta-bloccanti è risultata associata a più basso peso alla nascita ( 3.1 kg vs 3.7 kg; P=0.002 ).

Durante il follow-up i bambini sono rimasti sani ( mediana 3.4 anni ), e le madri senza mortalità cardiaca o trapianto.

Né l’incidenza di aritmie ventricolari né di scompenso cardiaco sono significativamente aumentate durante la gravidanza.

Il decorso della displasia aritmogena del ventricolo destro / cardiomiopatia ( media 6.5 anni ) non è cambiato in base alla storia di gravidanza.

In conclusione, mentre la maggior parte delle gravidanze nei pazienti con displasia aritmogena del ventricolo destro / cardiomiopatia è risultata ben tollerata, il 13% è stato complicato da aritmie ventricolari e il 5% da insufficienza cardiaca. ( Xagena2016 )

Hodes AR et al, Heart 2016; 102: 303-312

Cardio2016 Gyne2016



Indietro