CardioPreventariab.it
Prevenzione malattie cardiovascolari
Associazione Silvia Procopio
OncoGinecologia.net

Esiti perioperatori dei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica sottoposti a chirurgia non-cardiaca


I pazienti con cardiomiopatia ipertrofica sottoposti a interventi chirurgici non-cardiaci a rischio alto e intermedio hanno un basso tasso di eventi perioperatori, ma presentano un rischio maggiore di eventi compositi.

A causa del loro profilo fisiopatologico unico, i pazienti con cardiomiopatia ipertrofica, sottoposti a chirurgia non-cardiaca richiedono ulteriore attenzione nella gestione perioperatoria.

Sono stati confrontati i risultati perioperatori dei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica sottoposti a chirurgia non-cardiaca con un gruppo di pazienti abbinati senza cardiomiopatia ipertrofica.

Lo studio osservazionale di coorte ha compreso i pazienti con cardiomiopatia ipertrofica ( n=92, età 67 anni, 54% uomini ) sottoposti a interventi chirurgici non-cardiaci a rischio intermedio e a rischio alto tra il 2007 e il 2013 ( escludendo i soggetti sotto i 18 anni, con precedente miectomia / ablazione con alcol del setto, chirurgia a basso rischio ) abbinati in base a età, sesso, tipo e momento di chirurgia non-cardiaca, con pazienti senza cardiomiopatia ipertrofica ( n=184, età media 65 anni, 53% uomini ).

Sono stati registrati l’endpoint composito ( morte post-operatoria a 30 giorni, infarto miocardico, ictus, insufficienza cardiaca congestizia scompensata in ospedale e riospedalizzazione entro 30 giorni ) e la fibrillazione atriale post-operatoria.

C'è stata un'incidenza significativamente più bassa di ipotensione / tachicardia intraoperatoria nei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica rispetto a quelli senza cardiomiopatia ipertrofica ( P minore di 0.001 ).

A 30 giorni dall'intervento, 42 pazienti ( 15% ) hanno manifestato eventi compositi.

I tassi a 30 giorni di mortalità, infarto miocardico o ictus sono risultati molto bassi nei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica ( 5% ).

Tuttavia, una proporzione significativamente maggiore di pazienti con cardiomiopatia ipertrofica ha raggiunto l'endpoint composito rispetto ai pazienti senza cardiomiopatia ipertrofica ( 20, 22%, vs 22, 12%, P=0.03 ), guidato da insufficienza cardiaca scompensata.

Alla regressione logistica, la cardiomiopatia ipertrofica, la chirurgia non-cardiaca ad alto rischio, il punteggio elevato di rischio di anestesia e la durata intraoperatoria dell’ipotensione sono risultati indipendentemente associati a eventi compositi a 30 giorni ( P minore di 0.05 ).

In conclusione, i pazienti con cardiomiopatia ipertrofica sottoposti a interventi chirurgici non-cardiaci ad alto rischio e a rischio intermedio hanno un tasso di eventi perioperatori basso.
Tuttavia, hanno un rischio maggiore di eventi compositi rispetto ai pazienti senza cardiomiopatia ipertrofica. ( Xagena2016 )

Dhillon A et al, Heart 2016; 102: 1627-1632

Cardio2016 Chiru2016



Indietro