CardioPreventariab.it
ACC Meeting
American Heart Association

Esiti a 1 anno con scaffold riassorbibile Absorb nei pazienti con malattia coronarica


Rispetto agli stent metallici medicati, gli scaffold vascolari riassorbibili ( BVS ) offrono la possibilità di migliorare gli esiti a lungo termine dopo un intervento coronarico percutaneo ( PCI ).
Non è chiaro se questi dispositivi siano sicuri ed efficaci quanto gli stent a rilascio di farmaco entro il primo anno dopo l'impianto.

È stata effettuata una meta-analisi di dati aggregati di 4 studi clinici randomizzati in cui 3.389 pazienti con malattia coronarica stabile o una sindrome coronarica acuta stabilizzata sono stati arruolati presso 301 Centri accademici e medici in Nord America, Europa e nella regione Asia-Pacifico .

Questi pazienti sono stati assegnati in modo casuale a BVS Absorb a rilascio di Everolimus ( n=2.164 ) o a stent Xience in Cobalto-Cromo a rilascio di Everolimus ( CoCr-EES; n=1.225 ).

Gli endpoint primari erano i tassi relativi a 1 anno di endpoint composito relativo al paziente ( mortalità per qualsiasi causa, tutti gli infarto miocardici, o tutte le rivascolarizzazioni ) e di endpoint composito relativo al dispositivo di fallimento della lesione target ( mortalità cardiaca, infarto miocardico relativo al vaso target o rivascolarizzazione della lesione target guidata dalla ischemia ).

L'effetto sommatorio del trattamento per i tassi a 1 anno dell’endpoint composito orientato al paziente non differiva significativamente tra scaffold vascolare riassorbibile e stent in Cobalto-Cromo a rilascio di Everolimus ( rischio relativo, RR=1.09, P=0.38 ).

Allo stesso modo, i tassi a 1 anno di endpoint composito orientato al dispositivo non differivano tra i due gruppi ( RR=1.22, P=0.17 ).

L’infarto miocardico legato al vaso target è risultato aumentato con scaffold vascolare riassorbibile rispetto a stent in Cobalto-Cromo a eluizione di Everolimus ( RR=1.45, P=0.04 ), in parte per via di aumenti non-significativi di infarto del miocardio periprocedurali e trombosi del dispositivo con scaffold vascolare bioassorbibile ( RR=2.09, P=0.08 ).

I tassi relativi di mortalità per qualsiasi causa e mortalità cardiaca, infarto del miocardio, rivascolarizzazione della lesione target guidata dalla ischemia e rivascolarizzazione non differivano tra gli scaffold vascolari bioassorbibili e gli stent in Cobalto-Cromo a rilascio di Everolimus.

I risultati erano simili dopo aggiustamento per multivariabili per gli squilibri di base, ed erano costanti nella maggior parte dei sottogruppi e nell’analisi di sensitività quando sono stati inclusi due ulteriori studi randomizzati con meno di 1 anno di follow-up.

In questa meta-analisi, lo scaffold non ha prodotto tassi diversi di eventi avversi compositi orientati al paziente e ai dispositivi a 1 anno di follow-up rispetto allo stent in Cobalto-Cromo a rilascio di Everolimus. ( Xagena2016 )

Stone GW et al, Lancet 2016; 387: 1277-1289

Cardio2016 Farma2016


Indietro