CardioPreventariab.it
American Heart Association
Associazione Silvia Procopio
ACC Meeting

Associazione tra calcio dell'arteria coronarica negli adulti e malattia coronarica incidente e morte


Il calcio nell'arteria coronaria ( CAC ) è associato a malattie coronariche ( CHD ) e a malattie cardiovascolari ( CVD ); tuttavia i dati prognostici sul calcio coronarico sono limitati negli adulti più giovani.

Si è determinato se il calcio coronarico negli adulti di età compresa tra 32 e 46 anni sia associato a coronaropatia, malattia cardiovascolare e mortalità per tutte le cause durante 12.5 anni di follow-up.

Lo studio CARDIA ( Coronary Artery Risk Development in Young Adults ) è uno studio prospettico che ha reclutato 5.115 partecipanti dai 18 ai 30 anni dal 1985 al 1986.
La coorte è stata sottoposta a sorveglianza per 30 anni, con il calcio coronarico misurato 15 anni ( n=3.043 ), 20 anni ( n=3.141 ) e 25 anni ( n=3189 ) dopo l'arruolamento.
Il periodo medio di follow-up per gli eventi incidenti è stato di 12.5 anni, a partire dalla scansione tomografica a 15 anni fino al 31 agosto 2014.

La malattia coronarica incidente ha incluso infarto miocardico fatale o non-fatale, sindrome coronarica acuta senza infarto miocardico, rivascolarizzazione coronarica, o morte per coronaropatia
La malattia cardiovascolare incidente ha incluso la malattia coronarica, l'ictus, l'insufficienza cardiaca e la malattia arteriosa periferica.
La mortalità era riferita a decesso per qualsiasi causa.
La probabilità di sviluppare calcio coronarico nel periodo di età dai 32 ai 56 anni è stata stimata utilizzando fattori di rischio clinici misurati a 7 anni di distanza tra i 18 e i 38 anni.

All’anno 15 dello studio, su 3.043 partecipanti ( età media 40.3 anni, 1.383 uomini e 1.660 donne ), 309 individui ( 10.2% ) presentavano calcio coronarico, con un punteggio Agatston geometrico medio di 21.6.
I partecipanti sono stati seguiti per 12.5 anni, con 57 eventi coronarici incidenti e 108 eventi di malattia cardiovascolare incidenti osservati.

Dopo aver aggiustato per demografia, fattori di rischio e trattamenti, i soggetti con qualsiasi valore di calcio coronarico hanno registrato un aumento di 5 volte degli eventi coronarici ( hazard ratio, HR=5.0 ) e un aumento di 3 volte degli eventi di malattia cardiovascolare ( HR=3.0 ).
Negli strati di punteggio CAC di 1-19, 20-99 e 100 o più, l'hazard ratio per malattia coronarica è stato, rispettivamente, pari a 2.6, 5.8 e 9.8.
Un punteggio CAC di 100 o più ha avuto un'incidenza di 22.4 morti per 100 partecipanti ( HR=3.7 ); su 13 decessi tra i partecipanti con un punteggio CAC di 100 o più, 10 sono stati giudicati come eventi coronarici.

I fattori di rischio per malattia cardiovascolare nella vita adulta precoce hanno individuato i soggetti al di sopra del rischio mediano per lo sviluppo di calcio coronarico e, se applicati in una strategia selettiva di screening per CAC, potrebbero ridurre il numero di persone esaminate per CAC del 50% e il numero di scansioni necessarie per trovare una persona con valori di calcio coronarico da 3.5 a 2.2.

In conclusione, la presenza di calcio coronarico tra gli individui di età compresa tra 32 e 46 anni è associata a un aumento del rischio di malattai coronarica fatale e non-fatale durante 12.5 anni di follow-up.
Un punteggio CAC di 100 o più è associato a morte precoce.
Gli adulti di età inferiore a 50 anni con qualsiasi valore di calcio coronarico, anche con punteggi molto bassi, identificati alla scansione tomografica sono ad elevato rischio di coronaropatia, malattia cardiovascolare e morte.
L'uso selettivo dello screening per CAC potrebbe essere preso in considerazione nei soggetti con fattori di rischio nella prima fase dell'età adulta per migliorare la prevenzione primaria. ( Xagena2017 )

Carr JJ et al, JAMA Cardiol 2017; 2: 391-399

Cardio2017



Indietro